GOODWILL NEWS

Stories: perché i brand dovrebbero usarle

Contenuti effimeri che durano 24 ore sui principali social (Facebook, ma soprattutto Instagram) possono ottenere grandi risultati in termini di engagement.

Stories: perché i brand dovrebbero usarle

Il brand nelle stories diventa più umano. Superata la barriera delle news feed dove si creano post destinati a durare, le Instagram stories offrono una pratica di influencer marketing che abbattono le barriere con l’utente.

Molti i vantaggi di inserire l’utilizzo delle storie nella propria campagna:

-       Permettono maggior spontaneità, conferendo un’immagine di trasparenza del brand che mostra retroscena, persone e situazioni vere.

-       Favoriscono l’interattività e la partecipazione della community del brand in determinati contesti.

-       Attraverso il lifetelling di influencer coerenti con in brand (vedi il nostro post https://www.goodwillpr.it/it/blog/item/23576-ad-ogni-brand-il-suo-influencer.html) possono: aumentare i follower, incrementare le interazioni e stimolare il social buzz.

Da una parte la durata limitata insita nella natura stessa delle stories dà all’utente l’urgenza di visualizzazione, dall’altra il voyueristico interesse verso la vita e i retroscena di persone note, rendono sempre in crescita l’utilizzo impattante nella quotidianità degli utenti e aiutano l'amplificazione del brand.