GOODWILL NEWS

La potenza dei video: ecco perché puntare sul video content

Dati alla mano, i video sui social creano un engagemenent decisamente superiore rispetto ad altri contenuti.

La potenza dei video: ecco perché puntare sul video content

Il 73% degli italiani è online, vale a dire che oltre 43 milioni di persone navigano su internet nel nostro paese.

A livello globale la percentuale di utenti presenti sui social ha registrato un +13%. I dati parlano chiaro: sempre più persone passano tempo online per socializzare e informarsi. Numeri, questi, che dovrebbero convincere sempre più aziende a mettere al centro della loro strategia la comunicazione digitale.

 

Ma se a livello globale Facebook continua a dominare nettamente lo scenario dei social network, nel nostro paese la piattaforma di Mark Zukerberg si contende il primato con Youtube: ciò vuol dire che il format video in Italia coinvolge moltissimo gli utenti.

Un altro dato interessante è rappresentato dal tasso di engagement medio per i post di video su facebook, che è di 7,69%: quasi il doppio rispetto a post contenenti link o semplici foto.

Di fatto i video rappresentano i contenuti più apprezzati, visualizzati, condivisi e commentati da Facebook.

 

Se gli utenti preferiscono guardare i video, siano essi live o in differita, rispetto a contenuti statici, i brand non possono rimanere a guardare questo fenomeno senza agire per sfruttare al meglio le possibilità persuasive dei video.

 

Se le immagini e i link restano il contenuto più usato dalle imprese (al 95%), la tendenza rilevante dovrà essere, nel prossimo futuro, di sfruttare al meglio le funzionalità presenti sui social, Facebook e Instagram in primis. La tendenza più rilevante è infatti rappresentata dalle storie, ossia la possibilità di creare degli slide show di immagini e brevi video visibili per 24 ore (feature presente su Facebook, Snapchat e Instagram). Si tratta della possibilità di essere visibili per 24 ore nei feed dei propri utenti, opportunità non ancora colta appieno dalle imprese. Sono infatti solo il 42% le aziende che utilizzano questa funzionalità: percentuale bassa se si pensa che Instagram storeis è utilizzato da oltre 200 milioni di persone.

 

(dati Digital in 2018 di Hootswite e Ricerche su dati Eurostat per Rapporto Coop 2017)